Al momento stai visualizzando Cibo da stadio 2024: cosa accomuna il calcio al Super Bowl?

Cibo da stadio 2024: cosa accomuna il calcio al Super Bowl?

Cosa accomuna il calcio al football americano o Super Bowl? In vista del Super Bowl dell’11 febbraio a Las Vegas, gli americani preparano le griglie per il tailgating. Stiamo parlando del popolare rito che raccoglie migliaia di fan per mangiare hamburger e hot dog sul cofano dell’auto. In Italia niente fai da te: alla fame dei tifosi ci pensano i paninari. I due sport più popolari del mondo hanno in comune più di quanto si creda, a partire dal cibo da stadio.

In vista dell’appuntamento più visto del pianeta – la LVIII edizione del Super Bowl tra i campioni dei Kansas City Chiefs e dei San Francisco 49ers – i tifosi iniziano a preparare i barbecue. E’ infatti tutto pronto per la finalissima della Nfl dell’11 febbraio a Las Vegas. Se in Italia si consuma il rito del #calciomangiato, infatti, oltreoceano c’è il tailgating, l’allegra abitudine di mangiare appoggiati al cofano dell’auto prima della partita.

Il tailgating è un rituale tutto americano: si svolge nei parcheggi limitrofi alle arene, dove i tifosi si ritrovano nell’attesa che inizi il match. Un’abitudine che, in un misto di eccitazione e scaramanzia, raggruppa migliaia di persone intorno a barbecue sfrigolanti, su cui si cucinano molti hamburger e hot dog. I parcheggi si trasformano così in camping improvvisati, visibili da lontano per il fumo che si alza dalle griglie. In Italia niente fai da te. Qui è più comune la presenza dei paninari, i veri eroi non celebrati del contesto sportivo, quelli che la partita non la guardano mai perché preparano il cibo per chi entra ed esce dallo stadio. Figure presenti un po’ in tutta Europa: cambia la farcitura, ma non il rito.

Al centro e sud Europa, ad esempio, la combinazione perfetta è il panino con patatine fritte; lo è anche in Italia, dove si prediligono salsicce, salamelle, cotolette e porchetta. Secondo quanto dichiarato dai paninari di San Siro intervistati da Heinz, l’icona mondiale in tema di salse, in un progetto a loro dedicato nel mese di dicembre, la metà dei panini venduti è con salamella, cipolla, peperoni, ketchup e maionese. Dall’altra parte il 30% con porchetta, cipolla e maionese. Seguono panini con würstel e piadine o focacce con salumi e hamburger.

#superbowlfood o #calciomangiato che sia, in entrambi i casi si tratta di momenti che completano l’esperienza sportiva. Il tutto con un denominatore comune: le salse, ketchup e maionese su tutte, quell’immancabile tocco che eleva l’esperienza gustativa. Che si scaldino le griglie! Photo/by Press Office

Heinz Salse (fonte canale youTube) – I paninari di San Siro Milano: cosa si mangia allo stadio nel 2024?

Daniele Bartocci

Giornalista iscritto all'ordine, vincitore di illustri premi di giornalismo, comunicazione e food in Italia. Tra questi il premio miglior giornalista giovane 2023 alla cerimonia del Renato Cesarini, il premio miglior blogger sportivo 2020 e 2022, il premio Giovanni Arpino Inedito di Torino 2020 e il premio Myllennium Awards, premiato da Presidente Coni Malagò e da ex Ministro Sport Spadafora, nel 2020 e anche nel 2019. Eletto tra le '100 Eccellenze Italiane 2023' alla Camera dei Deputati. Riceve il Premio Giornalista dell'anno nel 2021 a Milano (Le Fonti Awards) e Professionista dell'Anno Comunicazione e Giornalismo presso Piazza Affari - Borsa di Milano in occasione di Innovation&Leadership Awards 2022. Tra le eccellenze italiane del food nel 2022, vincitore premio in memoria Regina Margherita 2022 (a Gressoney Saint-Jean), premio Food and Travel Awards 2022 e nella top10 BarAwards di Milano dei migliori professionisti italiani impegnati nello sviluppo business canale Ho.Re.Ca. Giudice del programma tv King of Pizza sul circuito Sky. Eletto Professionista dell'Anno 2023 Food Business, Communication & Journalism.