Al momento stai visualizzando Estate 2024: cosa fare nelle Marche? Visita Basilica Loreto

Estate 2024: cosa fare nelle Marche? Visita Basilica Loreto

L’estate 2024 sta arrivando: volete un consiglio su cosa vedere nella regione Marche in occasione delle vostre vacanze estive 2024? A nostro avviso una visita a Loreto (Ancona) rappresenta una bella idea. Loreto, piccolo comune della provincia di Ancona (circa 12.000 abitanti), è conosciuto e apprezzato a livello mondiale in primis per il suo Santuario. Stiamo parlando di uno dei più rilevanti e celebri luoghi di pellegrinaggio e preghiera per i cattolici. La Basilica della Santa Casa, conosciuta anche come Santuario della Santa Casa di Loreto, è posta nel cuore di Loreto, nella suggestiva Piazza della Madonna. Una piazza incantevole che offre una prospettiva mozzafiato nonché una veduta top sul Monte Conero (a picco sul mare).

Ebbene sì, il Santuario di Loreto conserva una delle più importanti e conosciute reliquie della cristianità, la Santa Casa della Madonna che, anno dopo anno, attira una moltitudine di turisti e pellegrini, in cerca anche di benedizione o grazia. Pensate, piccola curiosità, che la Madonna di Loreto è stata proclamata da Benedetto XV, nel lontano 1920, patrona universale di tutti i viaggiatori d‘aereo. E negli anni è stata anche la protettrice dei naviganti, dei viaggiatori e dei migranti. Diverse sono, nel corso della storia, le testimonianze di autentici miracoli avvenuti proprio per intercessione della Madonna di Loreto.

COSA FARE NELLE MARCHE, A LORETO E RECANATI? IDEA PER LE VACANZE ESTIVE 2024? LA BASILICA TRA COLLE LAURO, STORIA E TRADIZIONE

Ci risulta – intercettando anche alcuni cittadini – che questa piccola cittadina sia sorta su un colle, detto Colle Lauro. Ciò in quanto, prima dell’arrivo della Santa Casa, in questo colle non vi era praticamente nulla, se non delle piantagioni di alloro. In parole povere, la (bellissima) città si è sviluppata in lungo e in largo proprio intorno alla celebre Basilica che ospita la Santa Casa di Nazareth. Qui, secondo la tradizione, la Vergine Maria nacque, visse e ricevette l’annuncio della miracolosa nascita di Gesù dall’Angelo Gabriele. Il Santuario, pensate, è sorto nel luogo in cui, secondo la tradizione, la dimora della Vergine Maria sarebbe stata trasportata in volo prodigiosamente dagli angeli. Questo avvenne nella notte tra il 9 e 10 dicembre 1294, dalla Palestina alle Marche, dopo essere transitata per la Dalmazia, rimanendo per alcuni anni in un quartiere della Croazia attuale.

La storia sostiene, dal suo canto, che le pietre della casa vennero trasportate via nave da una famiglia, la famiglia Angeli, quale dono per un matrimonio. La festa liturgica della Madonna di Loreto cade in data 10 dicembre, andando a celebrare dunque la data dell’arrivo della Santa Casa di Nazareth a Loreto. Il Santuario è uno stratosferico emblema di basilica fortezza, che in tre secoli, ha avuto anche la partnership di artisti di primo livello tra cui il Bramante e il Vanvitelli. All’ingresso della Basilica ad accogliervi ci sarà il maestoso monumento a Papa Sisto V. Guardando verso la facciata svetta il campanile Vanvitelliano; esso si fonde benissimo col palazzo Apostolico che si trova a lato della basilica. Qui è conservato il Museo del Tesoro. Ma non è tutto: ci saranno altri bellissimi elementi da scoprire all’interno.

All’interno, riepilogando, la Santa Casa è posta proprio nel cuore della Basilica, esattamente sotto la Cupola. Che altro aggiungere… Volete un consiglio su cosa vedere nelle Marche nell’estate 2024? La Basilica di Loreto è un’idea molto ‘stuzzicante’, sicuramente! Invitiamo tutti a fare una visita (almeno una volta nella vita) in questa cittadina – Loreto – ricca di tradizione, storia e fede. Buona visita a tutti!

Basilica di Loreto, luogo ideale anche per scattare foto in occasione di un matrimonio

Daniele Bartocci

Giornalista iscritto all'ordine, vincitore di illustri premi di giornalismo, comunicazione e food in Italia. Tra questi il premio miglior giornalista giovane 2023 alla cerimonia del Renato Cesarini, il premio miglior blogger sportivo 2020 e 2022, il premio Giovanni Arpino Inedito di Torino 2020 e il premio Myllennium Awards, premiato da Presidente Coni Malagò e da ex Ministro Sport Spadafora, nel 2020 e anche nel 2019. Eletto tra le '100 Eccellenze Italiane 2023' alla Camera dei Deputati. Riceve il Premio Giornalista dell'anno nel 2021 a Milano (Le Fonti Awards) e Professionista dell'Anno Comunicazione e Giornalismo presso Piazza Affari - Borsa di Milano in occasione di Innovation&Leadership Awards 2022. Tra le eccellenze italiane del food nel 2022, vincitore premio in memoria Regina Margherita 2022 (a Gressoney Saint-Jean), premio Food and Travel Awards 2022 e nella top10 BarAwards di Milano dei migliori professionisti italiani impegnati nello sviluppo business canale Ho.Re.Ca. Giudice del programma tv King of Pizza sul circuito Sky. Eletto Professionista dell'Anno 2023 Food Business, Communication & Journalism. Vincitore del Premio 5 Stelle d'Oro della Cucina Italiana 2024. Confermato miglior giornalista giovane 2024 (Premio Renato Cesarini 2024).